Louxor

L’antica Tebe, capitale dei faraoni, è il cuore delle vestigia monumentali ed è anche la città nella quale la vita scorre tranquillamente

Le buone ragioni per amare Luxor
All’alba, sorvolare Luxor in mongolfiera, perdersi nel dedalo di pietre di Karnak, il piu’ grande complesso monumentale d’Egitto, visitare la grande necropoli di Tebe, territorio del Dio Osiride, bere un the al Winter Palace, ove Howard Carter annucio’ la scoperta della tomba di Toutankhamon, contemplare i colossi di Memnon, guardiani della valle dei Re, visitare il museo della mummificazione per sapere tutto sull’arte funeraria degli antici egizi, bere un karkadé, succo di fiori d’ibisco, nella campagna vicina, passare da una riva del fiume all’altra.


Cairo

Soprannominata « la madre del mondo » (Oum al-dounia) la piu’ grande megalopoli d’africa dona un’inscredibile energia sia moderna che ancestrale.

Sorseggiare in the a El- Fishaoui, il celebre caffé degli specchi, nel souk di Khan – el – Khalili, scoprire la sola delle sette meraviglie del mondo (piramide di Kheope) ancora intatta, perdersi nella città tra le visite delle moschee e della madrasse, ascoltare i canti dei muezzin e le urla dei venditori ambulanti, gustare un piatto tipico nel quartiere di Agouza, viaggiare nel tempo passando le porte di Bab- El-Foutouth, e nelle stradine del quartiere islamico, perdersi tra la folla colorata del mercato di cammelli d’Imbaba, passeggiare lungo la corniche a fine giornata, contemplare la città, “madre del mondo”, dall’alto del monte Moqattam. Riscoprire il museo d’arte islamica recentemente rinnovato da Adrien Gardère.